Costa azzurra e (parte di) Provenza

Costa azzurra e (parte di) Provenza

Aprile 2016, mare e primavera: binomio perfetto per un viaggetto nella nostra adorata Francia. Destinazione: Sanary sur mère, un delizioso borgo marinaro che ci ha regalato per una settimana un tripudio di suoni e colori. La cittadina è ideale per i bambini con una grande area verde attrezzata con parco giochi e giostre d’ordinanza. Non è difficile diventare un po’ francesi, fare la spesa al mercato cittadino del pesce, della frutta e verdura e delle profumatissime erbe aromatiche e ovviamente sostare alla boulangerie per le mitiche baguette e gli altrettanto mitici croissant. Consigliatissima la tarte tropézienne, dolce tipico di Saint-Tropez diffuso ormai in tutta la Provenza, fatto con una brioche e una crema buonissima.

Per non farmi mancare niente, mi sono lasciata affascinare dalle bellissime sporte in paglia con cui le signore della costa vanno a fare la spesa e ne ho presa una anche per me, in perfetto stile francese.

Come sempre abbiamo alloggiato in un appartamento Airbnb, comodo, centrale e con una bella piazza chiusa al traffico e piena di palme sotto casa in cui Francesco ha potuto tranquillamente andare sul suo monopattino.

Da Sanary siamo partiti per gite e giretti, toccando diverse località: Tolone e Marsiglia con la bellissima basilica Notre Dame de la Guarde, la Ciotad, Aix en Provence, Cassis, Hyeres e l’isola di Porquerolles. Incredibile e indimenticabile il Parc national des Calanques, che da Marsiglia si estende fino a Cassis con panorami mozzafiato.

  • Aix en Provence

Leave a Reply