A zonzo per il Friuli, terra bella e generosa

A zonzo per il Friuli, terra bella e generosa

Racconterò di questa settimana di vacanza a luglio del 2016 confessando fin da subito che sia io che mio marito abbiamo un debole per il Friuli. Terra bella e generosa, gente operosa e concreta, cucina e vini del Collio eccellenti.

Da Milano abbiamo fatto sosta intermedia nella incantevole Cittadella (Padova), dove abitano i nostri amici Paola e Valerio . La nostra meta era Treppo, piccolo comune in provincia di Udine. Abbiamo soggiornato nell’agriturismo Borgo Floreani, particolarmente adatto per i bambini: piscina, grandi prati, area gioco, orto, molti animali della fattoria.

Da Treppo abbiamo fatto tantissime escursioni attraverso la strada dei castelli e la strada del prosciutto, abbiamo visitato gli scavi archeologici di Aquileia romana e paleocristiana e siamo saliti fin sul campanile della basilica, ci siamo lasciati affascinare dalla incredibile fortezza veneziana di Palmanova, siamo andati al mare a Grado e a Lignano Sabbiadoro, abbiamo attraversato le valli del Natisone fino ai confini con la Slovenia, abbiamo mangiato il prosciutto cotto triestino da Masè a Udine e quello crudo di San Daniele, ovviamente a San Daniele. Abbiamo attraversato il Ponte del diavolo a Cividale del Friuli e abbiamo rivissuto il dramma del terremoto passeggiando a Gemona. Abbiamo fatto gli esploratori nei “cason” della Laguna di Marano e siamo andati a vedere come si fa il formaggio alla Malga Montasio a Sella Nevea. Tutta questa bellezza in una settimana!

Francesco Romano ha apprezzato tutto! Qui segnalo due attrazioni particolari che mi sento di consigliare per i bambini.

La prima sono le Cave del Predil, a Tarvisio. Questo parco geominerario è stato una delle più importanti miniere europee di piombo e zinco. Chiusa nel 1990, è diventata meta didattica e culturale. Gli uomini di famiglia (bimbo e padre, io avevo freddo!) si sono adeguatamente attrezzati con mantella anti freddo e anti umidità e caschetto e si sono addentrati nelle viscere della terra, torcia alla mano. Francesco si è divertito molto a fare il nanetto di Biancaneve! IO nel frattempo ho fatto un giro per la cittadina ormai quasi abbandonata, sulla quale continua a vegliare l’immagine di Santa Barbara, protettrice dei minatori.

La seconda attrazione si trova a Gemona ed è Willi, una divertente ferrovia in miniatura lunga un km, che riproduce fedelmente i treni veri. Non solo: la locomotiva a vapore funziona davvero, con acqua e carbone. Divertente e istruttivo, con tanti complimenti ai volontari appassionati che hanno realizzato i treni e gestiscono la struttura. I bambini possono fare dei bei giri a bordo delle piccole carrozze senza alcun pericolo.

  • Aquileia

Leave a Reply